TARI -Tassa sui rifiuti

CASSONETTO

TARI - COME SI PAGA

Ai contribuenti viene inviato a domicilio l’avviso di pagamento con allegato il modello F24 per il versamento.

Si effettua il versamento tramite il Modello F24 pagabile presso tutti gli sportelli Bancari e Postali e tramite agenti della riscossione o eventualmente tramite Home Banking, utilizzando i seguenti codici:

CODICE CATASTALE COMUNE DI ANDORA

A278

CODICE TRIBUTO TARI

3944

ANNO

2019

L'importo dovuto è ripartito in rate con le seguenti scadenze:

-  1^ rata

scadenza 31 Agosto

- 2^ rata

scadenza 30 Novembre

- rata unica

scadenza 31 Agosto


 COS’E LA TARI

TARI è la nuova denominazione della tassa sui rifiuti, che sostituisce la vecchia Tares. La TARI, in vigore dal 1 gennaio 2014, compone insieme agli altri due tributi TASI e IMU la IUC (Imposta Unica Comunale), istituita con l’art.1, commi 639 e ss., della L. 27 dicembre 2013, n. 147.

Per conoscere come il Comune di Andora ha regolamentato l'applicazione della TARI puoi consultare L’Allegato C del Regolamento IUC nella sezione Comune/Statuto Regolamenti Atti/Regolamenti

SU COSA SI PAGA LA TARI

Si paga su locali o aree scoperte a qualunque uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati.

Sono escluse dal tributo:

  • le aree scoperte pertinenziali o accessorie a civili abitazioni, quali i balconi e le terrazze scoperte, posti auto scoperti, i cortili, i giardini e i parchi;
  • le aree comuni condominiali di cui all’art. 1117 c.c. che non siano detenute o occupate in via esclusiva, come androni, scale, ascensori, stenditoi o altri luoghi di passaggio o di utilizzo comune tra i condomini.
CHI PAGA LA TARI

La tassa è dovuta da chi possiede o detiene, a qualsiasi titolo e anche di fatto, i locali o le aree soggette a tassazione.

In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a sei mesi nel corso del medesimo anno solare, la tassa è dovuta soltanto dal possessore dei locali o delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie.

COSA DEVO FARE SE:

Devo denunciare la mia casa o la mia attività

È necessario far pervenire via posta, via fax, via pec (posta elettronica certificata) o con consegna a mano all’Ufficio Protocollo il modulo di iscrizione TARI entro il 30 giugno successivo all’anno in cui si verifica il fatto che determina l’obbligo di denuncia.

Devo effettuare la cancellazione dall’elenco dei contribuenti tari

È necessario far pervenire via posta, via fax, via pec o con consegna a mano all’Ufficio Protocollo il modulo di richiesta di cancellazione TARI entro il 30 giugno successivo all’anno in cui si verifica la cessazione dell’utenza.

Devo richiedere uno sgravio

Lo sgravio di quanto richiesto con l'avviso di pagamento TARI è dovuto nei casi di errore e di duplicazione ovvero di eccedenza della tassa liquidata rispetto a quanto effettivamente dovuto per errore o per modifica delle condizioni dichiarative. Lo sgravio viene disposto dall’Ufficio Tributi su richiesta del contribuente.

Devo richiedere un rimborso

È possibile richiedere il rimborso di importi pagati, ma non dovuti, presentando domanda entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione.

Insieme all'istanza è opportuno presentare fotocopia delle ricevute di pagamento e la documentazione atta a dimostrare il diritto al rimborso ( atti di vendita, perizie relative a ristrutturazioni radicali, chiusura utenze domestiche). L'ufficio deve predisporre il rimborso entro 180 giorni dal ricevimento della domanda.

 Modulistica

Regolamento comunale TARI (vedi Allegato C del Regolamento IUC)

 

 

 

 

Pagina aggiornata il: 28.03.2019