Riqualificazione Palazzo Tagliaferro

Palazzo Tagliaferro vert


Palazzo Tagliaferro, nasce da un importante lavoro di riqualificazione della zona di Largo Milano, per molti anni in forte degrado. L'imponente edificio del XVIII secolo, è stato completamente ristrutturato e recuperato all'uso pubblico dopo un periodo di abbandono che risaliva agli anni '70. Il comune di Andora che ne è divenuto proprietario nel 2001, ha realizzato l'opera di riqualificazione e lo ha riconsegnato alla città con l'obiettivo di farne uno spazio di aggregazione culturale, didattico e ludico.


Palazzo Tagliaferro dispone di quattro piani da 360 metri quadrati ciascuno. I lavori di restauro hanno riportato alla luce alcuni affreschi antichi e pavimenti fortunosamente risparmiati dal degrado.

Un po' di storia..

Il complesso denominato "ex Colonia di Milano", situato in loc. Pigna, presenta le caratteristiche tipiche delle dimore nobiliari di campagna di fine XVIII - inizio XIX secolo e nasce su un probabile nucleo preesistente.

 

Le prime notizie topografiche provengono dal catasto napoleonico nelle lingue francese ed italiana. L'intera area sorta quindi nella sua composizione attuale dopo il periodo napoleonico comprendeva una tenuta originariamente composta dal "palazzo", dal "refettorio", da fabbricati minori e da un'estesa pertinenza agricola.

Nel 1894 il complesso passa da Angiolina Tagliaferro a Cesarina Gancia, la quale lo vendette all'Ing. Pietro Grea. Attraverso ulteriori passaggi di proprietà (1918 Davide Amoretti) nel 1932 l'intero complesso viene ceduto al Comune di Milano che lo trasforma in una Colonia con la denominazione "Colonia Martini" o "Colonia Ancilla".
Il Comune di Andora ha iniziato un impegnativo e complesso lavoro di restauro e recupero di tutta l'area. I lavori sono iniziati con la chiesa dei Canonici Regolari dell'Immacolata, situata sul fianco dell'immobile principale che è diventata, nel 2005, sede della Biblioteca Civica Comunale. La capriata in legno che costituisce la struttura del tetto della chiesa mirabilmente intarsiata (uno dei rari esempi nel ponente ligure) è tutto ciò che rimane della sua funzione passata.Dal 1960 al 1975 il Comune di Andora ha utilizzato l'immobile principale come scuola media e successivamente a seguito del suo mancato utilizzo nel corso del tempo ed in carenza di un'adeguata manutenzione lo stesso immobile ha subito un notevole degrado che lo ha reso a tutti gli effetti inutilizzabile.

 

foto whitelabs

A Palazzo Tagliaferro ha sede il Contemporary Culture Center, spazio espositivo dedicato all'arte contemporanea ed il Museo MIneralogico, secondo in Europa per qualità e numero di pezzi esposti.

Terzo piano - Il piano sottotetto, una splendida sala polivalente caratterizzata da grandi capriate in legno, è stata allestita per ospitare manifestazioni istituzionali e non. Dotata di apparecchiature di video riproduzione (tv e video proiettore) ospita oggi oltre alle sedute del Consiglio Comunale, mostre, conferenze, convegni, concerti e proiezioni cinematografiche.  Per ridurre al massimo l'impatto visivo, all'interno del Palazzo Tagliaferro, sono stati previsti collegamenti wireless (senza fili) per le apparecchiature tecniche: telefoni, computer, video proiettore e microfoni.

Giardino all'italiana

La ristrutturazione di Palazzo Tagliaferro ha previsto un investimento di circa 3, 5 milioni di euro, interamente finanziati dal comune.

 

m.n.

 

Pagina aggiornata il: 27.05.2014